emdr firenze

Articoli e Pubblicazioni




  • Consulenza psicologica
  • Valutazione psicodiagnostica
  • Psicoterapia individuale cognitivo-comportamentale
  • Servizio EMDR per il trattamento del trauma
  • Interventi individuali e di gruppo orientati alla promozione della salute


Dott.ssa Francesca Birello → Psicologa Firenze

Psicologo Firenze - Dr.ssa Francesca Birello Lo Studio di Psicologia e Psicoterapia della dott.ssa Francesca Birello è composto da Psicoterapeuti ad orientamento cognitivo-comportamentale e sistemico-relazionale ed ha lo scopo di promuovere il benessere psicologico della persona e di migliorarne la qualità della vita.

Per realizzare ciò, il nostro Studio si avvale anche della collaborazione di un’equipe multidisciplinare, integrando il lavoro con medici, psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, nutrizionisti, dietisti, logopedisti e operatori shiatsu per offrire un ventaglio di servizi il più ampio possibile e rispondere efficacemente alle esigenze della clientela per riappropriarsi del proprio benessere psicofisico.

Sono Psicologa-Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, in EMDR e Schema Therapy. Lavoro come libera professionista occupandomi principalmente di:

disturbi d'ansia (attacchi di panico, disturbo ossessivo compulsivo, ansia sociale e generalizzata, fobie, disturbo post-traumatico da stress), disturbi dell'umore (depressione e disturbo bipolare), disturbi del comportamento alimentare (anoressia nervosa, bulimia nervosa, disturbo da alimentazione incontrollata, obesità), disturbi legati a stress e traumi, disturbi somatoformi e problemi di somatizzazione, disturbi della personalità e disturbi dissociativi.

Svolgo consulenza psicologica individuale (per adulti e adolescenti) per: problemi relazionali; difficoltà legate alle fasi di vita (lutti, separazioni, genitorialità, gravidanza, menopausa, perdita del lavoro, pensionamento...), all'impulsività (abbuffate, aggressività, gioco d'azzardo...), e alla gestione dello stress.

Sono psicoterapeuta e il mio approccio terapeutico è Cognitivo Comportamentale (di gruppo o individuale). Sono inoltre terapeuta Emdr (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) e lavoro prevalentemente con questa tecnica con le patologie correlate a traumi e eventi stressanti.

Questo sito vuole essere un punto d'incontro per tutti coloro che soffrono di qualche disturbo psicologico e sono in cerca di informazioni sulle possibilità terapeutiche offerte dalla psicoterapia cognitivo comportamentale e dalle psicoterapie più recenti, dette di “terza generazione” . Chi necessita di uno psicologo, di uno psicoterapeuta cognitivo comportamentale, può far riferimento a me, che svolgo la professione da circa dieci anni, e dal 2008 collaboro con l’Associazione IL LUMICINO come responsabile dell’area psicologica.

La modalità di lavoro è improntata alla qualità dei servizi offerti, prestando attenzione ai bisogni del paziente e alla tutela della privacy, rispettando l’etica professionale e rimanendo sempre aggiornata sulle materie di competenza.

Cos’è la Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale?

La Psicoterapia si propone di essere un percorso condiviso di conoscenza, in cui il paziente arriva a conoscere il proprio modo di funzionare (a livello cognitivo, emotivo e comportamentale), il proprio modo di attribuire significati alle cose, e i meccanismi che lo hanno portato a stare male. La psicoterapia cognitivo-comportamentale, come suggerisce il termine, combina due forme di terapia estremamente efficaci:

La terapia comportamentale: aiuta a modificare la relazione fra le situazioni che creano difficoltà e le abituali reazioni emotive e comportamentali che la persona ha in tali circostanze, mediante l’apprendimento di nuove modalità di reazione. Aiuta inoltre a rilassare mente e corpo, così da sentirsi meglio e poter riflettere e prendere decisioni in maniera più lucida.

La terapia cognitiva: aiuta ad individuare certi pensieri ricorrenti, certi schemi fissi di ragionamento e di interpretazione della realtà, che sono concomitanti alle forti e persistenti emozioni negative che vengono percepite come sintomi e ne sono la causa, a correggerli, ad arricchirli, ad integrarli con altri pensieri più oggettivi, o comunque più funzionali al benessere della persona. Quando sono combinate nella psicoterapia cognitivo comportamentale, queste due forme di trattamento diventano un potente strumento per risolvere in tempi brevi forti disagi psicologici, è una disciplina scientificamente fondata, la cui validità è suffragata da centinaia di studi.

Cos’è L’EMDR?

L’EMDR è un metodo psicoterapico strutturato che facilita il trattamento di diverse psicopatologie e problemi legati sia ad eventi traumatici, che a esperienze più comuni ma emotivamente stressanti. E’ un approccio psicoterapico interattivo e standardizzato, scientificamente comprovato che si basa sulla riabilitazione attraverso i movimenti oculari.

Numerosi studi neurofisiologici hanno documentato i rapidi effetti post-trattamento EMDR.

L’EMDR si focalizza sul ricordo dell’esperienza traumatica ed è una metodologia completa che utilizza i movimenti oculari o altre forme di stimolazione alternata destro/sinistra per trattare disturbi legati direttamente a esperienze traumatiche o particolarmente stressanti dal punto di vista emotivo.

Dopo una o più sedute di EMDR, i ricordi disturbanti legati all’evento traumatico hanno una desensibilizzazione, perdono la loro carica emotiva negativa. Il cambiamento è molto rapido, indipendentemente dagli anni che sono passati dall’evento. L’immagine cambia nei contenuti e nel modo in cui si presenta, i pensieri intrusivi in genere si attutiscono o spariscono, diventando più adattivi dal punto di vista terapeutico e le emozioni e sensazioni fisiche si riducono di intensità.

L’elaborazione dell’esperienza traumatica che avviene con l’EMDR permette al paziente, attraverso la desensibilizzazione e la ristrutturazione cognitiva che avviene, di cambiare prospettiva, cambiando le valutazioni cognitive su di sé, incorporando emozioni adeguate alla situazione oltre ad eliminare le reazioni fisiche. Questo permette, in ultima istanza, di adottare comportamenti più adattivi. Dal punto di vista clinico e diagnostico, dopo un trattamento con EMDR il paziente non presenta più la sintomatologia tipica del disturbo post-traumatico da stress, quindi non si riscontrano più gli aspetti di intrusività dei pensieri e ricordi, i comportamenti di evitamento e l’iperarousal neurovegetativo nei confronti di stimoli legati all’evento, percepiti come pericolo. Un altro cambiamento significativo è dato dal fatto che il paziente discrimina meglio i pericoli reali da quelli immaginari condizionati dall’ansia.

Cos'è la SCHEMA THERAPY?

La SCHEMA THERAPY (ST) è un nuovo sistema di psicoterapia che integra diversi approcci psicoterapeutici quali la Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale, la Gestalt, l’Analisi Transazionale, l’Ipnoterapia e concetti della teoria dell’attaccamento e delle scuole psicodinamiche offrendosi come trattamento altamente efficace per i disturbi di personalità.

La Schema Therapy mira a individuare con il Paziente i propri schemi e modalità disfunzionali e le loro origini nell’infanzia, a riconoscerne gli effetti nella vita e a trovare attivamente modalità funzionali  per smantellarli.

Un  ruolo centrale nel processo terapeutico è da individuare nella particolare impostazione della relazione terapeutica che punta, in modo esplicito e  nei limiti del possibile, a soddisfare i bisogni del paziente, non colti nell’infanzia, in termini di una “limited reparenting”. Paragonata alla terapia cognitivo-comportamentale standard, la Schema Therapy attribuisce un maggior valore alle emozioni; enfatizza il rapporto terapeutico tra paziente e terapeuta come veicolo di cambiamento; assegna inoltre maggiore importanza all’analisi dei rapporti primari nell’infanzia come origine delle difficoltà attuali.

Ciò che principalmente contraddistingue la Schema Therapy dagli altri approcci, è la focalizzazione sullo Schema mal adattivo precoce ossia un tema costituito da ricordi, emozioni e sensazioni che viene elaborato lungo tutto l’arco della propria vita che genera dei comportamenti disfunzionali. Tuttavia, pur essendo fonte di sofferenza, gli schemi vengono mantenuti dalla persona in quanto rappresentano il conosciuto, il familiare a cui non ci si vuole distaccare. Ecco che la persona viene attratta da quelle situazioni che rafforzano gli schemi, rendendo difficile non solo il cambiamento ma anche il riconoscimento della loro disfunzionalità.

Già in passato, diversi studi avevano dimostrato l’efficacia della Schema Therapy nel trattamento del Disturbo Borderline di Personalità. L’International Socety of Schema Therapy ha recentemente reso pubblici alcuni dati da cui emergerebbe la possibilità di considerare la Schema Therapy come trattamento da preferire anche nella cura dei Disturbi di Personalità Paranoide, Istrionico, Narcisista e del Cluster C.



Ambiti di Intervento

  • Disturbi del Tono dell’Umore (depressione e disturbo bipolare)
  • Disturbi d’Ansia (ansia, fobie, attacchi di panico, ipocondria)
  • Ossessioni e Compulsioni, Disturbi del Comportamento Alimentale (anoressia, bulimia, binge eating)
  • Stress (disturbo post traumatico da stress, disturbi psicosomatici)
  • Disturbi di Personalità, Difficoltà Relazionali (difficoltà a mantere/stabilire relazioni sociali, bassa autostima)


Siti Suggeriti



Convenzioni

  • Convenzione con la Guardia di Finanza
  • Convenzione con AssoMedico
  • Convenzione con la Polizia di Stato
  • Convenzione con il Dip.to Amm.ne Penitenziaria
  • Convenzione Fondo Sanitario Integrativo Dipendenti Enel
  • Convenzione L'Altra Metà della Divisa
  • Convenzione con Associazione Il Lumicino

Dott.ssa Francesca Birello - Psicologo Psicoterapeuta Firenze
Riceve in: Studio Medico Viale Mazzini, 50 – 50132 Firenze | Tel. 320 0579717
E-mail: francesca.birello@libero.it | E-mail: francesca.birello@libero.it
P.I. 05704670487 | privacy

Iscrizione Albo: degli Psicologi della Toscana con il n°4177 dal 2006

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2015 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà dela Dott.ssa Francesca Birello.
Ultima modifica: 07/07/2016