emdr firenze

Info, Articoli, Social...







Il Disturbo bipolare

Disturbo bipolare Firenze

Avere alti e bassi di umore è un’esperienza del tutto comune, in quanto il nostro umore po’ variare a seconda di vari fattori che interferiscono in quel momento (il tempo, gli impegni, un evento positivo o meno…). Il nostro modo di pensare, di leggere gli eventi ha certamente una grossa influenza, ma tutto questo rientra nella consuetudine di ognuno.

Se invece parliamo di disturbo bipolare, questo rappresenta una problematica grave ed invalidante, che merita attenzione clinica e di cui i soggetti che ne soffrono sono spesso inconsapevoli.
Chi ne è affetto tende ad alternare   episodi maniacali (fase up) a episodi depressivi (fase down).
Dal punto di vista clinico è necessario che queste manifestazioni siano compresenti ma alternate ed abbiano un’intensità tale da costituire un forte impedimento allo svolgere delle attività quotidiane.

Queste cambiamenti patologici dell’umore perdurano per mesi e anni ed hanno sulla persona un effetto invasivo tanto da influenzarne ed modificarne la capacità di giudizio. Sia la mania che la depressione influenzano considerevolmente la vita del paziente e sono estremamente estenuanti sia sul piano familiare, che lavorativo e sociale.

In generale, il disturbo bipolare ha un decorso ciclico ed episodico. Talora è abbastanza favorevole: si può avere un episodio maniacale nell’arco della vita che non richiede particolari cure mediche, altre volte si può avere a che fare con più episodi di depressione e mania che possono durare tutta la vita.

Esistono molti farmaci efficaci nel trattamento della depressione bipolare che possono limitare notevolmente i sintomi. In generale, sono utilizzati in combinazione tra loro. Nei casi più gravi non bisogna scoraggiarsi se il trattamento farmacologico dovesse durare molto tempo e ricordare che può consentire di vivere meglio.
Con l’aiuto della psicoterapia, esistono diversi approcci che possono essere adottati (psicoeducazione, terapia cognitivo-comportamentale, psicoterapia famialiare..)  è possibile imparare a capire e distinguere i sintomi del disturbo bipolare. La presenza di pensieri disfunzionali o convinzioni irrazionali può interferire.
Numerosi studi hanno dimostrato, negli ultimi anni, l’efficacia della Terapia Cognitivo Comportamentale combinata con la farmacoterapia nel trattamento del disturbo bipolare (Beck e Newman 2005). La Terapia Cognitivo Comportamentale è molto efficace nell’incrementare la compliance.
Gli scopi principali del trattamento sono i seguenti:

  • Fornire informazioni al paziente e ai suoi familiari sul Disturbo Bipolare, il trattamento farmacologico e le difficoltà alla compliance al trattamento.
  • Far riconoscere precocemente i segnali d’allarme, insegnando abilità di fronteggiamento preventive che possano far diminuire la gravità e la durata dei sintomi.
  • Far riconoscere le credenze disfunzionali tipiche del Disturbo Bipolare, in particolare rispetto alla terapia farmacologica per poter migliorare la compliance al trattamento.
  • Favorire abilità di problem-solving, di regolazione emotiva e di risposta adattiva per poter fronteggiare gli stressors psico-sociali.
  • Favorire un senso di potere personale migliorando la qualità di vita, riducendo in particolare le ospedalizzazioni e il rischio di suicidio.

Gli aspetti su cui è possibile intervenire. Nel caso di comorbilità con problemi di personalità, dovuti a traumi, è possibile utilizzare terapie specifiche come schema therapy o EMDR.

Gli stati mentali rigidi e caotici della depressione e della mania sonoo inn grado di far provare spiacevoli emozioni alle persone bipolari, ma anche ai loro cari.

Attraverso un’adeguata conoscenza del disturbo i familiari possono avere un ruolo decisivo per rispondere in modo consapevole alle manifestazioni della malattia.

È importante stabilire un rapporto di fiducia con le persone bipolari ed imparare a comunicare con loro in modo empatico per favorire un buon decorso del disturbo e ridurre le ricadute.
Familiari ed amici possono offrire un valido aiuto per fornire vicinanza e far riflettere su alcuni comportamenti a rischio.

Dott.ssa Francesca Birello
Psicologa Firenze

 

Ambiti di Intervento

  • Disturbi del Tono dell’Umore (depressione e disturbo bipolare)
  • Disturbi d’Ansia (ansia, fobie, attacchi di panico, ipocondria)
  • Ossessioni e Compulsioni, Disturbi del Comportamento Alimentale (anoressia, bulimia, binge eating)
  • Stress (disturbo post traumatico da stress, disturbi psicosomatici)
  • Disturbi di Personalità, Difficoltà Relazionali (difficoltà a mantere/stabilire relazioni sociali, bassa autostima)


Siti Suggeriti



Servizi Offerti

  • Consulenza psicologica
  • Valutazione psicodiagnostica
  • Psicoterapia individuale cognitivo-comportamentale
  • Servizio EMDR per il trattamento del trauma
  • Interventi individuali e di gruppo orientati alla promozione della salute


Convenzioni

  • Convenzione con la Guardia di Finanza
  • Convenzione con AssoMedico
  • Convenzione con la Polizia di Stato
  • Convenzione con il Dip.to Amm.ne Penitenziaria
  • Convenzione Fondo Sanitario Integrativo Dipendenti Enel
  • Convenzione L'Altra Metà della Divisa
  • Convenzione con Associazione Il Lumicino

Dott.ssa Francesca Birello - Psicologo Psicoterapeuta Firenze
Riceve in: Studio Medico, Viale Mazzini, 50 – 50132 Firenze | c/o Studio LETMIBI, Via Finlandia, 30 - 50126 Firenze | Tel. 320 0579717
E-mail: francesca.birello@libero.it
P.I. 05704670487 | privacy | cookie policy

Iscrizione Albo: degli Psicologi della Toscana con il n°4177 dal 2006

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2015 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà dela Dott.ssa Francesca Birello.
Ultima modifica: 07/07/2016